Marchio d'area per Valdobbiadene

ECCO IL NUOVO MARCHIO D’AREA PER VALDOBBIADENE

Presentato ieri dall’Amministrazione Comunale e dal Consorzio Valdobbiadene il marchio che riunisce i valori e le tipicità del territorio Valdobbiadenese.

MarchioAreaNuovo 

Una sala gremita ha accolto con un applauso la presentazione del nuovo marchio d’area per Valdobbiadene, presentato dall’Amministrazione comunale nelle persone del Sindaco Bernardino Zambon e del Vicesindaco Piergiorgio Davì presenti all’incontro insieme ai relatori della serata.

Il progetto, nato mesi fa in seno all’amministrazione comunale e al Consorzio delle Pro Loco Valdobbiadene, si pone come nuovo contenitore di servizi e promotore di iniziative che si identifichino strettamente con l’area del Valdobbiadenese. Al momento è la prima esperienza di questo tipo riconducibile ad un contesto così piccolo come quello comunale, ma l’iniziativa punta a coinvolgere anche il territorio circostante che in questi valori e peculiarità si riconosce.

«La presentazione di questa sera è solo il primo passo. – Ha spiegato il presidente del Consorzio Valdobbiadene Isidoro Rebuli – Un protocollo detterà le regole per prendere parte al progetto di valorizzazione turistica e tavoli di lavoro settoriali contribuiranno a introdurre un percorso di educazione ad un sistema turistico coordinato. Il marchio d’area va ben al di là del logo grafico, perché racchiude in sé una serie di azioni concrete condivise, per diventare sinonimo e garanzia di uno standard elevato di qualità dei servizi e dei prodotti offerti». Valdobbiadene diventerà quindi un Brand da esportare fuori dai confini provinciali e regionali, che renderà riconoscibili idee e valori, come ha spiegato nel corso della serata l’esperta in marketing territoriale Elisabeth Och, intervenuta in diretta Skype da Londra. Il marchio, realizzato dal graphic designer Paul Spadetto, ricostruisce la storia del valdobbiadenese, a partire proprio dai tre nomi della città: Duplavilis e Val Di Dobiadene e Valdobbiadene, mentre l’immagine grafica scelta rievoca i colori e le forme rintracciabili nel territorio collinare e nella sua tradizione agricola e artigianale. Infine l’idea di un cuore e della “V” che si riesce ad intravvedere nel marchio, riesce a suggerire coinvolgimento e identificazione emotiva con un linguaggio moderno e attuale.  Nel corso della serata l’Arch. Davide Bigatello ha parlato dell’Anello del Prosecco, al cui interno è cresciuto il simposio di scultura VIGNARTE, come di un’applicazione pratica delle potenzialità di questo nuovissimo marchio d’area.

I relatori hanno quindi illustrato i diversi aspetti al pubblico composto principalmente da viticoltori, commercianti e cittadini, scandendo anche un calendario di massima delle attività che verranno promosse dal Consorzio Valdobbiadene, cui è stata affidata la gestione del marchio, per arrivare quanto prima alla stesura del protocollo e alle successive azioni di promozione del marchio previste per il prossimo anno.